Seguici su:

Sanzioni diritto annuale, riscossione coattiva, richiesta sgravio cartella esattoriale

SANZIONI DIRITTO ANNUALE

Vengono sanzionati gli omessi, incompleti e tardivi versamenti.

Nei casi di versamento totalmente omesso si applica la sanzione del 30% sul dovuto.

La sanzione del 30% viene incrementata di una percentuale commisurata all’importo del diritto non versato (gravità della violazione) come previsto da regolamento camerale.

L’incompleto versamento dell’imposta e/o della maggiorazione dello 0,40% nel “termine lungo” dei trenta giorni è considerato un versamento parziale, pertanto la sanzione viene calcolata sulla differenza tra quanto dovuto e quanto versato(imposta più maggiorazione).

Il ravvedimento incompleto (imposta, sanzione e interessi in misura inferiore al dovuto e/o sanzione e interessi non commisurati all’imposta) può considerarsi perfezionato solo per la parte dell’imposta proporzionale agli importi corrisposti a vario titolo.

In caso di omesso, incompleto o tardivo pagamento di diverse annualità, si applica un’unica sanzione pari alla sanzione maggiore aumentata dalla metà al triplo, in base al numero delle violazioni. La sanzione unica non può comunque essere superiore a quella risultante dal cumulo delle sanzioni previste per le singole violazioni.

Non è sanzionabile il versamento effettuato, completo e nei termini, a favore di altra camera di commercio, incompetente per territorio.
 

RISCOSSIONE COATTIVA
L'Agenzia delle entrate comunica alle camere di commercio, tramite InfoCamere, le informazioni riguardanti i versamenti eseguiti, il fatturato dei soggetti iscritti nella sezione ordinaria del registro imprese e le variazioni conseguenti alle verifiche fiscali In base a tali informazioni, le camere di commercio definiscono il diritto non versato e provvedono all’iscrizione a ruolo delle relative somme presso Agenzia entrate riscossione, alla quale può essere presentata eventuale richiesta di rateazione degli importi dovuti. 


RICHIESTA SGRAVIO CARTELLA DI PAGAMENTO
Nel caso in cui il contribuente ritenga di presentare alla Camera di commercio domanda di sgravio della cartella di pagamento, deve presentare l’istanza in carta semplice all’ufficio diritto annuale. 

In caso di accoglimento dell'istanza la Camera di commercio trasmette lo sgravio, per via telematica, ad Agenzia entrate riscossione. 

 

MEMORIE DIFENSIVE

Avverso la cartella esattoriale di pagamento è possibile presentare alla Camera di commercio competente una memoria difensiva in carta libera, oppure proporre ricorso alla Commissione tributaria provinciale.

 

RICORSI ALLA  COMMISSIONE TRIBUTARIA

È previsto il versamento del contributo unificato per i ricorsi proposti innanzi le Commissioni tributarie provinciali e regionali nelle seguenti misure in base al valore (a scaglioni) della controversia:

VALORE CONTROVERSIA E AMMONTARE CONTRIBUTO UNIFICATO

Fino € 2.582,28: € 30

oltre € 2.582,28 fino a € 5.000: € 60

oltre € 5.000 fino a € 25.000: € 120

oltre € 25.000 fino a € 75.000: € 250

oltre € 75.000 fino a € 200.000: € 500

oltre € 200.000: € 1.500 

Per  valore della controversia si intende l’importo del tributo al netto degli interessi e delle eventuali sanzioni. In caso di controversie relative esclusivamente alle sanzioni il valore della controversia è, invece, determinato dalla somma di queste ultime.

Il Contributo unificato sostituisce l’imposta di bollo.

È prevista la maggiorazione del 50% del contributo dovuto in caso di mancata indicazione nel ricorso dell'indirizzo di posta elettronica certificata del difensore nonché del codice fiscale del ricorrente.

Per consentire una efficiente ed efficace gestione delle operazioni di recupero del diritto annuale, l' ufficio si è dotato di un sintetico vademecum (12KB), nel quale si evidenziano le principali attività da svolgere nel corso dell'anno.
 

RIFERIMENTI NORMATIVI

 

 

 

Diritto annuale

Mail: 
diritto.annuale@cn.camcom.it
Telefono: 
0171 318.739-770-820
Valutazione: 
0
No votes yet
Ultima modifica: 13/05/2021 - 04:05

Sponsor della Cciaa di Cuneo:   

 


  • casella di posta elettronica certificata: protocollo@cn.legalmail.camcom.it
  • codice fiscale: 80000110041
  • partita IVA: 00761550045