Seguici su:

Emergenza COVID 19- Normative e provvedimenti

Consulta i canali ufficiali per conoscere i provvedimenti attualmente vigenti, approvati a livello nazionale e regionale in seguito all'emergenza sanitaria internazionale.

GOVERNO ITALIANO

Provvedimenti
Le misure adottate dal Governo: provvedimenti attualmente vigenti, approvati dal Governo in seguito all'emergenza sanitaria internazionale: http://www.governo.it/it/approfondimento/coronavirus/13968
 

DECRETO-LEGGE 25 maggio 2021, n. 73 
Misure urgenti connesse all'emergenza da COVID-19, per le imprese, il lavoro, i giovani, la salute e i servizi territoriali
Il decreto introduce misure urgenti connesse all’emergenza da COVID-19, per le imprese, il lavoro, i giovani, la salute e i servizi territoriali.
Il decreto interviene con uno stanziamento di circa 40 miliardi di euro, a valere sullo scostamento di bilancio già autorizzato dal Parlamento, al fine di potenziare ed estendere gli strumenti di contrasto alla diffusione del contagio e di contenere l’impatto sociale ed economico delle misure di prevenzione che sono state adottate.


DECRETO-LEGGE 18 maggio 2021, n. 65 
Misure urgenti relative all'emergenza epidemiologica da COVID-19
In considerazione dell’andamento della curva epidemiologica e dello stato di attuazione del piano vaccinale, il testo modifica i parametri di ingresso nelle “zone colorate”, secondo criteri proposti dal Ministero della salute, in modo che assumano principale rilievo l’incidenza dei contagi rispetto alla popolazione complessiva nonché il tasso di occupazione dei posti letto in area medica e in terapia intensiva. Inoltre, nelle “zone gialle” si prevedono rilevanti, ancorché graduali, modifiche.
 

DECRETO LEGGE 22 aprile 2021, n. 52 
Misure urgenti per la graduale ripresa delle attività economiche e sociali nel rispetto delle esigenze di contenimento della diffusione dell'epidemia da COVID-19 (Decreto "riaperture")
Il testo delinea il cronoprogramma relativo alla progressiva eliminazione delle restrizioni rese necessarie per limitare il contagio da virus SARS-CoV-2, alla luce dei dati scientifici sull’epidemia e dell’andamento della campagna di vaccinazione. Il decreto prevede che tutte le attività oggetto di precedenti restrizioni debbano svolgersi in conformità ai protocolli e alle linee guida adottati o da adottare da parte della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome sulla base dei criteri definiti dal Comitato tecnico-scientifico.
 

DECRETO LEGGE 13 marzo 2021, n. 30
Il provvedimento stabilisce misure di maggiore intensità rispetto a quelle già in vigore, per il periodo compreso tra il 15 marzo e il 6 aprile 2021.
 

DPCM 2 marzo 2021
Firmato il Dpcm che detta le misure di contrasto alla pandemia e di prevenzione del contagio da COVID-19. Il Dpcm sarà in vigore dal 6 marzo al 6 aprile 2021 e conferma, fino al 27 marzo, il divieto già in vigore di spostarsi tra regioni o province autonome diverse, con l’eccezione degli spostamenti dovuti a motivi di lavoro, salute o necessità.

 

DPCM 14 gennaio 2021
Firmato il Dpcm del 14 gennaio 2021 contenente le misure per il contrasto e il contenimento dell'emergenza da Covid 19.

Tra le misure previste:
■ resta sempre consentita la ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico-sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto, nonché fino alle ore 22:00 la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze; eliminato il divieto di asporto dopo le ore 18 per gli esercizi di commercio al dettaglio di bevande da non consumarsi sul posto (codice ATECO 47.25);
■ per i soggetti che svolgono come attività prevalente quella identificata dal codice ATECO 56.3 (bar e altri esercizi simili senza cucina) si conferma che l’asporto è consentito esclusivamente fino alle ore 18:00;
■ restano chiusi palestre, piscine e impianti sciistici;
■ nelle zone rosse saranno chiusi i servizi alla persona come parrucchieri, barbieri e centri estetici;
■ dal 27 marzo nelle zone gialle si prevede la possibilità di riaprire teatri e cinema, con posti a sedere preassegnati, nel rispetto delle norme di distanziamento.

 

DECRETO-LEGGE 14 gennaio 2021, n. 2 
Ulteriori disposizioni urgenti in materia di contenimento e prevenzione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19 e di svolgimento delle elezioni per l'anno 2021
Il decreto proroga al 30 aprile 2021 il termine entro il quale potranno essere adottate o reiterate le misure finalizzate alla prevenzione del contagio ai sensi dei decreti-legge n. 19 e 33 del 2020. Il decreto conferma fino al 15 febbraio 2021 il divieto già in vigore di ogni spostamento tra Regioni o Province autonome diverse, con l’eccezione di quelli motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute. È comunque consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione. Tra le novità, l'istituzione di una cosiddetta area “bianca”, nella quale si collocano le Regioni con uno scenario di “tipo 1”, un livello di rischio “basso” e una incidenza dei contagi, per tre settimane consecutive, inferiore a 50 casi ogni 100.000 abitanti. 
 

DECRETO LEGGE 5 gennaio 2021, n.1
Ulteriori disposizioni urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19.
Il decreto introduce ulteriori misure restrittive in merito agli spostamenti per il periodo 7-15 gennaio 2021.
 

DECRETO LEGGE 18 dicembre 2020, n. 172
Il testo prevede che:

  • nei giorni festivi e prefestivi compresi tra il 24 dicembre 2020 e il 6 gennaio 2021, sull’intero territorio nazionale, si applicano le misure previste dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 3 dicembre 2020 per le cosiddette “zone rosse”, cioè le aree caratterizzate da uno scenario di massima gravità e da un livello di rischio alto;
  • nei giorni 28, 29, 30 dicembre 2020 e 4 gennaio 2021, sull’intero territorio nazionale, si applicano le misure previste dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 3 dicembre 2020 per le cosiddette “zone arancioni”, cioè le aree caratterizzate da uno scenario di elevata gravità e da un livello di rischio alto. Negli stessi giorni, sono tuttavia consentiti gli spostamenti dai Comuni con popolazione massima di 5.000 abitanti verso località distanti non più di 30 chilometri, con esclusione in ogni caso degli spostamenti verso i capoluoghi di provincia;
  • oltre agli spostamenti già consentiti, nel periodo compreso tra il 24 dicembre 2020 e il 6 gennaio 2021, tra le ore 5.00 e le ore 22.00, è consentito, una sola volta al giorno, spostarsi, in un massimo di due persone, verso una sola abitazione privata della propria regione. Alla persona o alle due persone che si spostano potranno accompagnarsi i figli minori di 14 anni (o altri minori di 14 anni sui quali le stesse persone esercitino la potestà genitoriale) e le persone disabili o non autosufficienti che con queste persone convivono.

Il decreto, infine, prevede lo stanziamento di 645 milioni di euro da destinare al ristoro immediato delle attività di somministrazione di alimenti e bevande che vedranno un calo del fatturato a causa delle misure disposte a tutela della salute. Tali attività riceveranno un contributo pari a quello già ottenuto in seguito all’approvazione del cosiddetto “decreto rilancio”.
 

DPCM 3 novembre 2020
Firmato il Dpcm 3 novembre contenente le nuove misure per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da Covid-19. Il Piemonte, con Lombardia, Val d'Aosta e Calabria, è inserito nella "fascia rossa" (scenario di massima gravità e livello di rischio alto).

  • principali misure
     
  • Elenco dei codici ATECO relativi alle attività sospese indicate nel Dpcm del 3 novembre 2020 (Allegati 23 e 24) nelle regioni a rischio di massima gravità (area rossa)
    N.B.: le attività di ristorazione non sono considerate fra quelle sospese perché i servizi di asporto e di consegna a domicilio, che rimangono aperti, non sono esplicitati nella classificazione Ateco.
     

DPCM 24 ottobre 2020 
Firmato il Dpcm 24 ottobre contenente le nuove misure per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da Covid-19.
 

DPCM 18 ottobre 2020
Firmato il DPCM del 18 ottobre 2020 sulle misure per il contrasto e il contenimento dell'emergenza Covid-19.
 

DPCM 13 ottobre 2020
Firmato il DPCM del 13 ottobre 2020 contenente misure di contrasto e contenimento dell'emergenza Covid-19.
Le disposizioni del Decreto sostituiscono quelle del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 7 agosto 2020, come prorogato dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 7 settembre 2020 e si applicano dal 14 ottobre 2020 fino al 13 novembre 2020.
 

DPCM 7 settembre 2020
Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, recante misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19, e del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, recante ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19. (GU Serie Generale n.222 del 07-09-2020)

 

D.L. 14 agosto 2020, n. 104
Misure urgenti per il sostegno e il rilancio dell'economia. (GU Serie Generale n.203 del 14-08-2020 - Suppl. Ordinario n. 30)
 

DPCM 7 agosto 2020
Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, recante misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19, e del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, recante ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19. (GU Serie Generale n.198 del 08-08-2020)

 

D.L. 30 luglio 2020, n. 83
Misure urgenti connesse con la scadenza della dichiarazione di emergenza epidemiologica da COVID-19 deliberata il 31 gennaio 2020. (GU Serie Generale n.190 del 30-07-2020)

 

DPCM 14 luglio 2020
Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, recante misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19, e del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, recante ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19. (GU Serie Generale n.176 del 14-07-2020)

 

DPCM 11 GIUGNO 2020
Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, recante misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19, e del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, recante ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19. (GU Serie Generale n.147 del 11-06-2020)

DECRETO-LEGGE 19 maggio 2020, n. 34 
Misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all'economia, nonché di politiche sociali connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19 (pubblicato nella GU Serie Generale n.128 del 19-05-2020 - Suppl. Ordinario n. 21).

DPCM 17 maggio 2020
Il Dpcm 17 maggio 2020 è in vigore da lunedì 18 maggio.
Disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, recante misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19, e del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, recante ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19
Tra gli allegati:
Allegato 11: Misure per gli esercizi commerciali
Allegato 12: Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro fra il Governo e le parti sociali
Allegato 13: Protocollo condiviso di regolamentazione per il contenimento della diffusione del COVID-19 nei cantieri
Allegato 14: Protocollo condiviso di regolamentazione per il contenimento della diffusione del COVID-19 nel settore del trasporto e della logistica
Allegato 16: Misure igienico-sanitarie
Allegato 17Linee guida per la riapertura delle attività economiche e produttive della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome del 16 maggio 2020

DPCM 26 aprile 2020
Il DPCM 26 aprile 2020 prevede la Fase 2 per il contenimento dell’emergenza Covid-19 e delinea le attività economiche che potranno riaprire dal prossimo 4 maggio (settore manifatturiero, edile e le attività all’ingrosso ad essi collegati; attività di asporto per bar e ristoranti, settore tessile e della moda, settore di fabbricazione auto, mobilifici, aziende che producono e commercializzano vetro).

Modifiche agli allegati del Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 26 aprile 2020
Aggiornati gli allegati del DPCM del 26 aprile 2020. Possono pertanto riaprire altre attività commerciali e produttive (il commercio al dettaglio di natanti e biciclette; il noleggio di autocarri, veicoli pesanti, macchinari e attrezzature; le attività di conservazione e restauro di opere d’arte; i servizi di tolettatura degli animali da compagnia).



Ordinanza 11/2020 Commissario straordinario per l'emergenza
PREZZI MASSIMI DI VENDITA AL CONSUMO DELLE MASCHERINE
Il Commissario straordinario per l'emergenza Covd-19 ha firmato l'Ordinanza n. 11/2020 che fissa i prezzi massimi di vendita al consumo delle mascherine facciali (STANDARD UNI EN 14683).

L. 24 aprile 2020, n. 27
Testo del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18 (c.d. "Cura Italia") coordinato con la legge di conversione 24 aprile 2020, n. 27, recante «Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19. Proroga dei termini per l'adozione di decreti legislativi»

DPCM 10 aprile 2020
Il DPCM 10 aprile 2020 proroga fino al 3 maggio le misure restrittive per il contenimento dell'emergenza epidemiologica, ma apporta alcune integrazioni alle attività consentite (per il Piemonte vale l'ordinanza n. 43 del 13 aprile, con misure più restrittive)
 

D. L. 8 aprile 2020, n. 23
Misure urgenti in materia di accesso al credito e di adempimenti fiscali per le imprese, di poteri speciali nei settori strategici, nonché interventi in materia di salute e lavoro, di proroga di termini amministrativi e processuali. 

DPCM 1° aprile 2020
Prorogate fino al 13 aprile 2020 le misure adottate per il contenimento del contagio epidemiologico da Covid-19.

DPCM 22 marzo 2020
Il Decreto sancisce che da lunedì 23 marzo e fino al 3 aprile "sono sospese tutte le attività produttive industriali e commerciali, ad eccezione di quelle indicate dall'allegato 1", ovvero nella lista acclusa al Decreto.

D.L. 17 marzo 2020, n. 18 (c.d. "Cura Italia")
Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19
 


RACCOLTA DEGLI ATTI EMANATI PER L'EMERGENZA CORONAVIRUS

Sul sito della Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana è disponibile la raccolta degli atti recanti misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19.
Comprende i provvedimenti emanati da:

 

 


ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ


ATTI E PROVVEDIMENTI DELLA REGIONE PIEMONTE
Coronavirus in Piemonte: ordinanze, circolari e disposizioni attuative sul sito della Regione Piemonte

Decreto del Presidente della Giunta Regionale 24 aprile 2021, n. 51

  • Disposizioni attuative per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19. Ordinanza ai sensi dell’art. 32, comma 3, della legge 23 dicembre 1978, n. 833, in materia di igiene e sanità pubblica.

Decreto del Presidente della Giunta Regionale 13 aprile 2021, n. 48

  • Disposizioni attuative per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19. Ordinanza ai sensi dell’art. 32, comma 3, della legge 23 dicembre 1978, n. 833, in materia di igiene e sanità pubblica.
    Proroga delle misure relative alla Provincia di Cuneo.

Decreto del Presidente della Giunta Regionale del 12 marzo 2021, n.36

  • Disposizioni attuative per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19
    L'ordinanza:
    - anticipa la chiusura dei mercati non alimentari da domenica 14 marzo 2021;
    - vieta il raggiungimento delle seconde case per sabato e domenica;
    - dispone la chiusura delle aree attrezzate e delle aree gioco nei parchi (salvo possibilità del Sindaco di derogare garantendo la supervisione degli stessi);
    - ribadisce la possibilità di entrare ad un solo membro per nucleo familiare ( escluso minori ) nei negozi di piccola e grande distribuzione.

Decreto del Presidente della Giunta Regionale del 12 marzo 2021, n.35

Decreto Presidente della Giunta Regionale n. 30 - 2 marzo 2021

Decreto Presidente della Giunta Regionale n.120 - 26 ottobre 2020

Decreto Ministro della Salute - Presidente della Giunta Regionale 23 ottobre 2020

Decreto n. 111 della Regione Piemonte

Decreto n. 77 della Regione Piemonte

Decreto n. 76 della Regione Piemonte

Decreto n. 75 della Regione Piemonte

Decreto n. 72 della Regione Piemonte

Decreto n. 68 della Regione Piemonte

Decreto n. 66 della Regione Piemonte

Decreto n. 63 della Regione Piemonte

Decreto n. 58 della Regione Piemonte

In Piemonte da lunedì 18 maggio possono riaprire:

  • tutti i negozi al dettaglio, saloni per parrucchieri, centri estetici, studi di tatuaggio e piercing e tutti i servizi per gli animali (oltre alle toelettature già attive, dog sitter, pensioni e addestramento); i Comuni potranno consentire orari di apertura più elastici ed estensivi per favorire la massima operatività delle attività commerciali e dei servizi alla persona;
  • musei, archivi e biblioteche;
  • altre strutture ricettive ancora chiuse. 

Da mercoledì 20 maggio:

  • ritorno nei mercati dei banchi extralimentari (per consentire i tempi di adeguamento alle nuove linee guida per la sicurezza e permettere ai Comuni di tracciare i nuovi spazi sulle aree mercatali).

Da sabato 23 maggio:

  • bar, ristoranti, trattorie, pizzerie, self-service, pub, pasticcerie, gelaterie, rosticcerie e delle altre attività di somministrazione alimenti (resta sempre consentito il servizio di asporto con orario esteso dalle 6 alle 22, la prenotazione da remoto diventa preferibile ma non più obbligatoria).

 

Decreto n. 43 del 13 aprile 2020
Firmata il 13 aprile l’ordinanza con la quale la Regione Piemonte prosegue con la linea del rigore per il contenimento del Coronavirus in maniera più restrittiva rispetto al DPCM:

  • tutte le regole in vigore sono prorogate fino al 3 maggio
  • restano chiuse anche le librerie, le cartolibrerie e i negozi di abbigliamento per l’infanzia
  • resta salva la possibilità di vendita con consegna a domicilio per tutte le diverse categorie merceologiche.
  • testo dell'ordinanza  e chiarimenti 

PREFETTURA DI CUNEO
FASE 2 - ADEMPIMENTI PREVISTI DAL D.P.C.M. 26.4.2020 A PARTIRE DAL 4.5.2020

Per le attività produttive che risultano sospese per effetto del D.P.C.M. 26.4.2020 è ammesso, previa comunicazione al Prefetto, l'accesso ai locali aziendali di personale dipendente o terzi delegati per lo svolgimento di attività di vigilanza, attività conservative e di manutenzione, gestione dei pagamenti nonché attività di pulizia e sanificazione. È consentita, previa comunicazione al Prefetto, la spedizione verso terzi di merci giacenti in magazzino nonché la ricezione in magazzino di beni e forniture.

Valutazione: 
0
No votes yet
Ultima modifica: 26/05/2021 - 04:05

Sponsor della Cciaa di Cuneo:   

 


  • casella di posta elettronica certificata: protocollo@cn.legalmail.camcom.it
  • codice fiscale: 80000110041
  • partita IVA: 00761550045