Servizio metrico

NOVITÀ

Rinviato il termine del 29 ottobre per l'esercizio in proroga della verificazione periodica ai sensi del DM 93

Il Ministero dello Sviluppo economico ha stabilito l'applicabilità dell’articolo 103, comma 2, del Decreto Cura Italia alle procedure abilitative in corso per i Laboratori decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, agli organismi abilitati ad effettuare verificazioni periodiche in conformità alle disposizioni abrogate dall’articolo 17 del decreto del Ministro dello sviluppo economico 21 aprile 2017, n. 93.
Il Ministero conferma che l'abilitazione all'esercizio delle attività di verificazione periodica, nelle more dell'avvenuto accreditamento previsto dal D.M. 93/2017, conserva la propria validità fino al termine di 90 giorni successivi alla dichiarazione di cessazione del nuovo stato di emergenza sanitaria (fissato ad oggi al 31 gennaio 2021).
Le abilitazioni dei soggetti ad oggi operanti in esercizio transitorio conservano pertanto la propria validità fino al 1° maggio 2021.


Il 18 settembre 2017 è entrato in vigore il Regolamento recante la disciplina attuativa della normativa sui controlli degli strumenti di misura in servizio e sulla vigilanza sugli strumenti di misura conformi alla normativa nazionale e europea - D.M. 21 aprile 2017 n. 93 (1370 kB), che abroga e sostituisce tutti i decreti, le direttive, le circolari e i regolamenti riguardanti le modalità di esecuzione della verificazione periodica, gli obblighi degli utenti metrici e le procedure di autorizzazione dei laboratori.

Il Decreto si applica ai controlli degli strumenti di misura soggetti alla normativa nazionale e europea utilizzati per funzioni di misura legali: funzioni di misura giustificata da motivi di interesse pubblico, sanità pubblica, sicurezza pubblica, ordine pubblico, protezione dell’ambiente, tutela dei consumatori, imposizione di tasse e di diritti e lealtà delle transazioni commerciali.

Sono esclusi dall’obbligo della verificazione periodica gli strumenti utilizzati per funzioni di misura legali costituiti da misure lineari materializzate o misure di capacità di vetro, terracotta e monouso.

Il Decreto introduce inoltre il libretto metrologico per ciascun strumento metrico, contenente i dati identificativi dello strumento stesso, che dovrà essere compilato in occasione di ciascuna attività di verificazione periodica, riparazione e controlli casuali.

Le Camere di commercio formano l'elenco dei titolari degli strumenti di misura sulla base dei dati del registro imprese e avvalendosi delle informazioni fornite dai comuni e da altre amministrazioni pubbliche.
 

Verificazione periodica
Il decreto delega la verificazione periodica degli strumenti di misura ,esclusivamente, agli organismi accreditati che risultano iscritti nell’apposito elenco predisposto da Unioncamere.
>>> vai alla pagina dedicata

Tutti gli strumenti utilizzati per funzioni di misura legali devono essere sottoposti obbligatoriamente a verificazione periodica secondo la periodicità fissata nell'allegato IV del D.M. 93/2017 che decorre dalla data della loro messa in servizio e, comunque , da non oltre due anni dall'anno di esecuzione della verificazione prima nazionale o CEE/CE o dalla marcatura CE e dalla marcatura metrologica supplementare ; successivamente dalla data dell'ultima verificazione.
>>> vai alla pagina dedicata

IMPORTANTE: il titolare dello strumento deve richiedere una nuova verificazione periodica almeno 5 giorni lavorativi prima della scadenza della precedente o entro 10 giorni lavorativi dall’avvenuta riparazione se tale riparazione ha comportato la rimozione di etichette o di ogni altro sigillo anche di tipo elettronico.
 

Controlli casuali
Le Camere di commercio effettuano controlli degli strumenti in servizio, a intervalli casuali, senza determinata periodicità e senza preavviso, pur garantendo il contraddittorio.

 

Controlli in contradditorio
Le Camere di commercio effettuano controlli in contraddittorio su richiesta del titolare dello strumento o altra parte interessata nella misurazione. I costi di detti controlli, in caso di esito positivo del controllo, sono a carico del soggetto richiedente.

 

Vigilanza sugli strumenti di misura
Le funzioni di Autorità di vigilanza del mercato sugli strumenti soggetti alla normativa europea sono svolte dal Ministero dello Sviluppo economico avvalendosi delle Camere di commercio quali autorità locali competenti per i controlli metrologici di cui all’art. 14 del D.Lgs. n. 22/2007.

La vigilanza del mercato ha lo scopo di assicurare che gli strumenti immessi sul mercato o importati sono stati sottoposti alle necessarie procedure di accertamento della conformità, che i requisiti di marcatura e di documentazione sono stati rispettati e che sono stati progettati e fabbricati in conformità ai requisiti previsti dalla pertinente normativa.

 


Riferimenti normativi
D.M. 21 aprile 2017 n. 93 (1370 kB)

 





 

 

 

 

 

 

Servizio metrico

Mail: 
ufficio.metrico@cn.camcom.it
Note: 

Orario:
lunedì - mercoledì - venerdì: dalle 9 alle 12
martedì e giovedì: dalle 9 alle 12; dalle 14:30 alle 15:30

 

Telefono: 
0171 318.853 - 854
Valutazione: 
0
No votes yet
Ultima modifica: 11/03/2021 - 04:03

    
 
Sponsor della Cciaa di Cuneo:   

 

  • casella di posta elettronica certificata: protocollo@cn.legalmail.camcom.it
  • codice fiscale: 80000110041
  • partita IVA: 00761550045