Seguici su:

Registro imprese

Avviso: registro ufficiale del titolare effettivo

L'art. 21 del Decreto Antiriciclaggio individua il registro delle imprese come registro ufficiale dei dati del titolare effettivo, ovvero di quelle informazioni che consentono di risalire all'identità delle persone fisiche per conto delle quali è realizzata un'operazione o un'attività in una struttura societaria (persona giuridica) o in un trust (e istituto affine).

Il previsto decreto del Ministro dell'Economia, di concerto con il Ministro dello Sviluppo economico, sui titolari effettivi è stato registrato dalla Corte dei conti ed è  in corso di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Entro 60 giorni dalla pubblicazione, il Mise dovrà emanare tre decreti:  

  • sul modello per la comunicazione dei dati dei titolari effettivi; 
  • sui contenuti dei certificati sui titolari effettivi; 
  • sui diritti di segreteria.

Questi decreti determineranno l'avvio del processo di iscrizione nel registro imprese.

 

Avviso: cancellazione d'ufficio delle PEC irregolari e relative sanzioni

Gli uffici del registro delle imprese delle Camere di commercio devono procedere, con modalità automatizzate e periodicità almeno bimestrale, alla verifica degli indirizzi di posta elettronica certificata (PEC) iscritti nel registro stesso e sono tenute a procedere alla cancellazione di tutti quegli indirizzi di PEC che risultano non validi.

Le PEC non valide sono quelle revocate, o non univoche (cioè appartenenti a più di una impresa, o intestate a professionisti o alle agenzie di servizi che gestiscono le pratiche delle imprese o comunque le PEC non direttamente riconducibili alle imprese), o non funzionanti (ossia inattive o scadute).

Ricordiamo che tutte le imprese devono oggi obbligatoriamente avere un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) valido, univoco e funzionante - che ne costituisce il domicilio digitale* - e comunicarlo al registro delle imprese.

Le imprese che hanno iscritta in visura una PEC non funzionante vengono invitate a regolarizzarla al più presto, anche per non incorrere nella relativa sanzione amministrativa pecuniaria.

Per le società essa consiste in un importo raddoppiato rispetto alla previsione dell’articolo 2630 del Codice civile, e pari quindi ad un minimo di euro 206,00 e ad un massimo di euro 2.064,00. Per le imprese individuali l'importo della sanzione prevista dall'art. 2194 Codice civile è invece triplicata e va quindi da un minimo di euro 30,00 ad un massimo di euro 1.548,00.

Alle imprese inadempienti, oltre alla cancellazione della PEC non funzionante e all'irrogazione della sanzione, il registro delle imprese assegnerà d'ufficio un nuovo domicilio digitale che sarà attivo solo in ricezione e sarà automaticamente inserito e consultabile nel portale ufficiale online INI-PEC (https://www.inipec.gov.it)

Per evitare conseguenze è quindi importante verificare il funzionamento della propria PEC già registrata o comunicare il nuovo indirizzo PEC al registro delle imprese.

Per la comunicazione dell’indirizzo PEC (valido, univoco e funzionante) è possibile utilizzare una procedura semplice e gratuita ("pratica semplice"), con la firma digitale del titolare o del legale rappresentante della società, in esenzione dal pagamento sia dell’imposta di bollo sia dei diritti di segreteria.

>>> Link per procedere alla comunicazione del nuovo indirizzo PEC al registro delle imprese con la modalità "pratica semplice"

* Le informazioni specifiche sul domicilio digitale sono pubblicate alla pagina https://www.cn.camcom.it/it/domiciliodigitale


Il Registro imprese può essere definito come l'anagrafe delle imprese: vi si trovano infatti i dati (costituzione, modifica, cessazione) di tutte le imprese con qualsiasi forma giuridica e settore di attività economica, con sede o unità locali sul territorio nazionale, nonché gli altri soggetti previsti dalla legge.

In questa sezione trovi tutte le informazioni sugli adempimenti riguardanti:


DIRE - Depositi e Istanze Registro imprese

DIRE è la nuova piattaforma web per la compilazione delle pratiche verso il Registro Imprese.

Con DIRE è possibile effettuare il deposito di bilanci senza presentazione dell'elenco soci oppure con riconferma di quello precedente. 

A breve, DIRE consentirà  anche di trasmettere bilanci con deposito contestuale dell'elenco soci.
Si possono inoltre predisporre ed inviare adempimenti di legge, come previsto dalla Comunicazione Unica d'Impresa, relativamente a domicilio digitale PEC, variazioni di indirizzo della sede, rinnovo cariche amministrative, trasferimenti d'azienda, cancellazioni ed altro ancora.

Progressivamente andrà a sostituire gli attuali software di compilazione (Starweb, Fedra, Bilanci Online, Comunica, Tyco) e rappresenterà il nuovo ambiente unico di compilazione.

DIRE consentirà sia la compilazione guidata ad adempimento (stile Starweb) che la compilazione a modelli (stile Fedra plus).

Gli utenti già registrati a Telemaco possono accedere a Dire, raggiungibile dal menu di Starweb, dove troveranno filmati di presentazione e corsi e-learning sulla nuova procedura.


Cerchi un'impresa? Consulta Registroimprese.it

il portale nazionale che permette di accedere via web al patrimonio informativo del Registro imprese






 

Registro imprese

Mail: 
registro.imprese@cn.camcom.it
Telefono: 
0171 318.760-729-790-890-883-780-815-787
Valutazione: 
0
No votes yet
Ultima modifica: 23/05/2022 - 04:05
  • casella di posta elettronica certificata: protocollo@cn.legalmail.camcom.it
  • codice fiscale: 80000110041
  • partita IVA: 00761550045